Come il pricing dinamico può aiutare a risolvere la crisi del personale stagionale

I resort e i gestori di attività hanno sempre avuto difficoltà a reperire il personale per la stagione. Negli ultimi anni, però, la sfida è cresciuta a causa di una confluenza di fattori:

  • La pandemia
  • Effetti residui dei programmi di stimolo governativi
  • “Le grandi dimissioni”
  • La crisi degli alloggi
  • Non ci sono abbastanza visti per lavoro temporaneo per soddisfare la domanda di manodopera stagionale
  • La guerra che colpisce l’Europa orientale

Questi fattori hanno avuto un effetto a catena, alzando la posta in gioco non solo per gli operatori in particolare, ma anche per intere destinazioni, inducendo gli interessati a pensare in modo diverso e ad essere più proattivi.

La reazione a catena provocata da COVID

Nel suo policy brief “Turismo e COVID-19 – impatti economici senza precedenti”, l’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite ha ricordato che il turismo sostiene un posto di lavoro su dieci. Ma a causa del COVID, potrebbero essere andati persi ben 100 milioni di posti di lavoro diretti nel turismo. Nel 2021, sulla base della domanda di allora, il World Travel & Tourism Council ha stimato una carenza di manodopera di 690.000 unità.

All’inizio, quando le aziende di tutti i tipi hanno riaperto i battenti dopo la chiusura per pandemia, alcuni lavoratori hanno avuto timore di tornare al lavoro per motivi di salute. Altri hanno avuto problemi di assistenza all’infanzia: i loro datori di lavoro hanno riaperto, ma i fornitori di assistenza all’infanzia no.

Un sondaggio del 2021 ha rilevato che il 16% degli americani che non cercano attivamente lavoro ha dichiarato che la quantità di denaro ricevuta dai sussidi di disoccupazione e dai programmi governativi rendeva “inutile” cercare lavoro. Il 28% degli intervistati si è detto d’accordo con l’affermazione che “ci sono molte persone che non cercano lavoro perché possono lavorare quasi o altrettanto bene percependo l’indennità di disoccupazione”.

Il fenomeno dell’abbandono dei posti di lavoro in massa, “le grandi dimissioni”, ha visto le industrie dei servizi a bassa retribuzione perdere il maggior numero di lavoratori di tutti i settori. Ciò ha avuto un impatto diretto anche sui lavoratori stagionali.

Nelle città di villeggiatura costituite principalmente da piccole imprese, come Rehoboth, nel Delaware, la mancanza di lavoratori stagionali ha costretto molte imprese del 2021 a operare solo con orari parziali. Lo stesso scenario si è verificato in aree sciistiche come Vail all’inizio del 2022.

Nel frattempo, la domanda di viaggi di piacere è tornata a crescere.

“La U.S. Travel Association prevede che nel 2022 i viaggi interni in tutto il Paese aumenteranno dell’11% rispetto al 2021, raggiungendo una spesa di 932 miliardi di dollari, con una crescita dei viaggi di piacere che raggiungeranno il 101% dell’anno precedente alla pandemia”.

Questa crescita comporta un’ulteriore richiesta di lavoratori stagionali. In passato, molte città di villeggiatura e grandi attrazioni hanno riempito i posti di lavoro stagionali con lavoratori internazionali che si trovavano negli Stati Uniti con visti di lavoro temporanei come i programmi J-1 o H-2B. Nel Maine, ad esempio, “i lavoratori con visti J-1 o H-2B rappresentano generalmente circa il 10-14% della forza lavoro stagionale”.

I visti H-2B, che non si applicano esclusivamente all’industria del turismo, sono normalmente limitati a 33.000 per sei mesi di ogni anno fiscale, una cifra già raggiunta all’inizio di marzo 2022.

Ciò ha portato a un’espansione temporanea del programma H-2B di 35.000 lavoratori. Anche il visto J-1 (ora “BridgeUSA”) per gli studenti stranieri è stato ostacolato dal conflitto tra Russia e Ucraina, poiché molti degli studenti stranieri che svolgono lavori estivi stagionali provengono da quella regione del mondo.

Tutti questi fattori hanno costretto i gestori di attività e resort e le intere destinazioni a pensare e agire in modo più proattivo. Spesso il pensiero proattivo porta a esaminare la strategia aziendale, le operazioni e gli strumenti che aiutano la produttività e l’efficienza.

Come i prezzi dinamici offrono un sollievo

Sebbene le idee non manchino – dagli strumenti di gestione della forza lavoro all’aumento delle paghe orarie, dall’alloggio dei lavoratori stagionali all’offerta di bonus di assunzione e altri incentivi – una soluzione meno conosciuta che può dare sollievo alla crisi del personale stagionale è l’implementazione di prezzi dinamici.

Il dynamic pricing è un approccio ai prezzi – facilitato dalla tecnologia – che li adegua continuamente in base alla domanda, alla stagione, al giorno, al momento dell’ingresso e soprattutto al momento in cui i clienti acquistano. L’obiettivo del dynamic pricing è offrire il prezzo giusto al momento giusto per indurre i clienti ad acquistare in anticipo. In definitiva, il dynamic pricing è un mezzo per ottenere la prevendita.

La tariffazione dinamica offre molti vantaggi per i profitti di un’attrazione o di un resort, ma può anche essere utilizzata per alleggerire gli oneri del personale. Se abbinato a una solida esperienza di vendita nell’e-commerce, il prezzo dinamico incentiva i clienti ad acquistare online, prima della loro visita. Questo a sua volta:

  • Consente ai resort e alle attrazioni di pianificare in modo proattivo il personale per la settimana o addirittura per il mese successivo. Ad esempio, alcuni clienti di Catalate hanno raccontato di utilizzare i dati e i rapporti di Catalate sugli arrivi previsti entro una certa finestra di prenotazione per prevedere il numero totale di ospiti previsti il giorno dell’arrivo.
  • Permette alle aziende di ridurre potenzialmente la forza lavoro stagionale durante l’alta stagione. Il parco acquatico Gulf Islands, ad esempio, vende ora il 20% dei suoi biglietti tramite e-commerce. Ciò significa non solo la necessità di un minor numero di dipendenti alle biglietterie, ma anche che il parco acquatico ha registrato un aumento della spesa all’interno del parco grazie alla vendita anticipata dei biglietti.
  • Per i resort e le attrazioni che vendono cibo e bevande, una strategia di prezzi dinamici significa aggiungere efficienza negli acquisti per evitare gli sprechi. Ciò significa anche una migliore pianificazione del personale stagionale dei ristoranti in loco.

Per saperne di più su come Catalate può aiutare la vostra azienda a stabilire una proficua strategia di prezzi dinamici e ad alleviare la crisi del personale, programmate una demo oggi stesso.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimanete aggiornati sulle nostre nuove funzionalità, sugli ultimi post del blog e sulle tendenze del settore.